Profugo: “Italia è solo maccaroni: ero venuto per fare il calciatore”

Condividi!

Cosa pensano i richiedenti asilo dell’accoglienza italiana?

Ce lo spiegò in una famosa intervista Kelly Imobhio, 21 anni, nigeriano.

Lui era salito su un barcone perché vuole fare il calciatore in Italia. Ma una volta qui, in Italia, si lamentò perché costretto ad allenarsi senza palla, e perché nell’hotel che lo ospitava mancava anche un campo regolamentare da calcio. Drammi veri.

Non solo. Il richiedente asilo nigeriano poi accusava: “Mangio e dormo, mangio e dormo. Mangio solo maccaroni a pranzo e cena. Vita in Italia solo maccaroni”. Wow, siamo al razzismo contro i maccaronì. Dove sono le bistecche, nuovo diritto umano?

VERIFICA LA NOTIZIA

Nessuno di loro è mai fuggito dalla guerra. E nemmeno dalla povertà. Per anni, abbiamo mantenuto e continuiamo ancora in troppi casi a mantenere, orde di fancazzisti pretenziosi.

Gente di vent’anni che parte perché vuole ‘giocare a calcio in Italia’, e poi si lamenta perché non trova una squadra. E perché non lo manteniamo a bistecche.




Lascia un commento