PD: incentivi per riapertura sexy shop

Condividi!

Il dibattito delle commissioni sul Decreto crescita si è focalizzato sui sexy shop arrivando, alla fine, alla riformulazione del testo che consente gli incentivi anche alla loro riapertura.

VERIFICA LA NOTIZIA

Un emendamento agevolava la riapertura dei negozi nei comuni sotto i 20mila abitanti escludendo però sale scommesse, compro oro e sexy shop.

Proteste da parte del Pd (che ha parlato di “Stato oscurantista”) prima dell’ok definitivo. Ma certo, si è oscurantisti se non si danno incentivi all’apertura di chi vende vibratori. Un partito di impotenti.

Le priorità del PD: i gay pride e i sexy shop. La dice lunga su chi fa parte di quel partito.




2 pensieri su “PD: incentivi per riapertura sexy shop”

  1. E’ una delle massime priorità del Paese…
    Ricerca & Sviluppo, difesa, politiche per il lavoro, sono solo dettagli irrilevanti per il PD (non a caso si pronuncia pedè).

Lascia un commento