Crollano sbarchi -85%: Salvini invia altri 10 mezzi a guardacoste libici

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
I dati pubblicati oggi dal Comitato nazionale per l’ordine e la sicurezza presieduta dal ministro dell’Interno sono entusiasmanti.

Dal primo gennaio al 10 giugno del 2019 il flusso via mare di clandestini ha registrato una diminuzione dell’85,05% rispetto allo stesso periodo del 2018. Anche i dati che riguardano i cosiddetti “rintracci a terra” seguiti a sbarchi fantasma registrano una diminuzione del 12,36%.

“Nessun allarmismo sui cosiddetti sbarchi fantasma, ovvero gli arrivi via mare attraverso piccole barche più difficili da individuare”.

I “rintracci a terra” in prossimità di uno sbarco sono stati 5.371 nel 2017, 3.668 nel 2018 e 737 nel 2019: una diminuzione di oltre il 12%.

“Questi numeri dimostrano l’evidente riduzione del fenomeno grazie alla politica dei ‘porti chiusì che ha ridotto sensibilmente gli arrivi e per effetto dei controlli mirati da parte delle forze di polizia disposti dai prefetti delle zone interessate”.

In particolare su un totale di 2.144 clandestini sbarcati dall’inizio dell’anno, risultano 670 partiti dalle coste libiche (navi ong sequestrate per finta da Patronaggio), 550 dalla Turchia e 160 dalla Grecia.

In pratica, avendo compresso al minimo le partenze dalla Libia, rimangono quelle residuali e più difficili da colpire, come la rotta dalla Turchia con gli yacht organizzata dalla mafia russa.

Intanto, nelle prossime settimane l’Italia consegnerà alla Libia un’altra decina di mezzi per poter pattugliare i porti da cui salpano i barconi carichi di clandestini.

Durante l’incontro di oggi, è stata, tuttavia, rivolta particolare attenzione ad analizzare la situazione alla frontiera slovena. “Al confine – fanno sapere dal Viminale – saranno rafforzate le pattuglie miste italo-slovene e saranno attivati programmi ad hoc per i rimpatri assistiti”.

Perché non schierare l’esercito, visto che migliaia di islamici sono in marcia dai Balcani? No, lo teniamo al confine tra Libano e Israele.




3 pensieri su “Crollano sbarchi -85%: Salvini invia altri 10 mezzi a guardacoste libici”

  1. Ma io mi chiedo che razza di esercito abbiamo che non riusciamo ad intercettare le imbarcazioni che fanno centinaia di km a 10/15 nodi all’ora per lo più in mare aperto…..

  2. abbiamo i droni che possono individuare sia i velieri che le barche trainate dai pescatori tunisini. Perchè non li usiamo di più? oppure li usiamo e facciamo finta di non vedere niente?

Lascia un commento