Ferrara, Lega espugna la città del vescovo degli immigrati che odia Salvini

Condividi!

Il trionfo della Lega nel ballottaggio per il sindaco di Ferrara, come in altre roccaforti rosse, dopo sessantanove anni di ininterrotto potere rosso, non è solo una vittoria politica. E non è solo una vittoria contro un Pd sempre più barcollante.

E’ anche, dopo lo schiaffo delle europee, un altro colpo al cuore del cattocomunismo rappresentato dai vescovi. Ferrara è infatti la città dell’arcivescovo Perego, direttore generale della Fondazione Migrantes, organismo della CEI che si occupa di immigrati. Da anni anti-leghista per eccellenza. Che da anni si è scontrato con l’ormai nuovo sindaco di Ferrara, il leghista Alan Fabbri. E noto per dichiarazioni sempre più deliranti:

Vescovo: “Italiani devono meticciarsi con gli immigrati”

Non solo. Perego, aveva chiesto “un’alternativa politica” alla Lega. Intervistato dal Corriere della Sera, il prelato aveva criticato il governo e si era appellato: “C’è consapevolezza sociale, ma non si trasforma in progetto politico”. I vescovi sono sempre più irrilevanti politicamente e culturalmente.

Ricordiamo uno dei più recenti attacchi del nuovo sindaco dell’ex rossa Ferrara a Perego:

“La nostra comunità non vuole essere oggetto di una sostituzione etnica né tanto meno veder annacquati i propri valori cristiani”

Anche il voto di ieri a casa del vescovo favorevole alla sostituzione etnica l’ha confermato.

L’ultimo attacco di Perego alla Lega e a Salvini è stato:

Vescovo dei clandestini contro Salvini: “Esibisce il rosario e il vangelo per ottenere consensi”




Un pensiero su “Ferrara, Lega espugna la città del vescovo degli immigrati che odia Salvini”

Lascia un commento