Milano, Verdi: no a festa Curva Nord Inter, sono fascisti

Condividi!

“Tutelare i parchi storici e monumentali di Milano da eventi ad alto impatto ambientale dovrebbe essere un obbligo per un’amministrazione virtuosa che dice di avere a cuore il verde urbano. Le cose, purtroppo, vanno in ben altra direzione”. Lo affermano Elena Grandi, co-portavoce nazionale dei Verdi e assessore al verde del municipio 1 del capoluogo, e Mariolina De Luca, co-portavoce dei Verdi nella metropoli, riguardo la festa per i 50 anni di tifo nerazzurro della Curva Nord domenica 30 giugno ai Giardini Montanelli. E sottolineano il rischio per alcuni “tifosi violenti” e “ultras fascisti” “Tra musica, dibattiti e vendita di cibo e alcolici, per un giorno il parco si trasformerà in un luogo di eccessi e risse potenziali, in balia di migliaia di tifosi che si sono sempre distinti per essere violenti, pericolosi e ben poco rispettosi dei luoghi, delle persone e delle leggi”, hanno lamentato Grandi e De Luca.

Infatti, solitamente, i parchi di Milano sono un esempio di ordine e cura:

Ma fatevi i parchi vostri. E speriamo che gli ultras dell’Inter diano uno schiaffo morale lasciando tutto meglio di come l’hanno trovato.




Lascia un commento