Un altro carico di immigrati con l’aereo: 58 sbarcano a Roma

Condividi!

Sono alla fine atterrati oggi all’aeroporto di Fiumicino altri 58 immigrati siriani dal Libano, “grazie” ai famigerati Corridoi umanitari promossi da Sant’Egidio attraverso i buoni uffici del premier a cottimo Conte.

VERIFICA LA NOTIZIA

E pensare che i siriani vorrebbero tornare a casa. Pensare che, proprio ieri, il Libano ha chiesto assistenza finanziaria ai Paesi della UE per garantire il rientro in patria dei profughi siriani, non la loro permanenza nei Paesi ospitanti.

Dal febbraio 2016 oltre 2.000 sono già arrivati in Italia (più di 1.500 dal Libano, altri 500 dall’Etiopia). Ora, poi, ce li andiamo a prendere anche in Libia.

Questa di andarci a prendere con gli aerei gli immigrati in giro per i campi profughi di Paesi come il Libano – dove non ci sono guerre – è demenziale. E criminale.

E se era demenziale al tempo di Minniti, continua ad esserlo anche al tempo di Salvini.

Ci sono vari motivi per il quale è criminale: in Italia abbiamo migliaia di senzatetto, ma la Caritas usa i soldi dell’8 per mille per importare immigrati da ospitare dall’estero.

Un altro motivo è che con la stessa cifra potremmo riportarli a casa loro e aiutarne cento volte tanti.

E allora si comprende quale è il vero motivo dietro queste operazioni: la sostituzione etnica.

Un governo populista non può rendersi complice dalla sostituzione etnica. I ‘corridoi umanitari’ sono un’arma di sostituzione di massa.

Noi gli aerei li vogliamo vedere carichi in uscita, non in entrata. Anche perché è con i ‘corridoi umanitari’ che la Chiesa ha sparso terroristi islamici per il mondo:

200 terroristi entrati come profughi grazie a corridoi umanitari

Questa storia dei ‘corridoi umanitari’ ha rotto il cazzo. Salvini, non ti ha votato Sant’Egidio, ti hanno votato milioni di italiani incazzati e stufi di vedersi superare dagli immigrati per case, lavoro e sussidi.

Ad esempio, Alì è arrivato con un ‘corridoio umanitario’:

Casa ad Alì e ai suoi 9 figli: famiglia italiana in camper

Non tradire chi ti ha votato sostituendo i barconi con gli aerei.

Maggioranza italiani contro ‘corridoi umanitari’: vogliono un Salvini più duro

Corridoi umanitari: in arrivo 2.500 immigrati dalla Libia

Corridoi umanitari: famiglia italiana con figlio invalido dorme in scantinato

L’obiettivo della Ue, in complicità con i trafficanti umanitari di Sant’Egidio, è evidente: rendere stabile la presenza di questi ex profughi in territori come il Libano, perché fungano da serbatoi di immigrati da importare in Europa attraverso ‘corridoi umanitari.

Ci andiamo a prendere 58 immigrati islamici in Libano con l’aereo

Per questo non vogliono che tornino a casa, in Siria. Dove la guerra è finita da un anno praticamente su tutto il territorio.




Un pensiero su “Un altro carico di immigrati con l’aereo: 58 sbarcano a Roma”

Lascia un commento