E’ nata la nuova Lira, si chiamano ‘minibot’

Condividi!

Ieri il Parlamento ha risposto alla letterina di minacce della Ue, votando una mozione che impegna il governo ad ampliare «le fattispecie ammesse alla compensazione tra debiti e crediti della pubblica amministrazione» anche attraverso «strumenti quali titoli di Stato di piccolo taglio».

E’ la nascita dei ‘mini-bot’.

Ha votato a favore anche il PD. Perché non aveva capito cosa fosse. Poi glielo hanno spiegato e ha fatto retromarcia: tardi.

L’emissione di MB per il pagamento dei debiti della PA sarebbe la nascita, de facto, di una moneta alternativa emessa dallo Stato sovrano e non da una banca privata. Quasi un ritorno alla Lira, visto che poi entrerebbero in circolazione come una vera e propria moneta di debito.

Potrebbe essere un modo non traumatico di uscire dall’Euro in modo lento ma inesorabile.




Un pensiero su “E’ nata la nuova Lira, si chiamano ‘minibot’”

  1. Se lo Stato li accetta per pagarci le tasse a maggior ragione dopo li accettano tutti gli agenti economici, sarebbe di fatto una moneta aggiuntiva all’euro ed in questa crisi di liquidità ci faebbe uscire dalla depressione in sei mesi, Fosse vero sarebbe ancora più dirompente che affondare i barconi dei clandestini e mitragliare i naufraghi.

Lascia un commento