Tribunale impone registrazione Anagrafe di clandestino: e di pagargli l’avvocato!

Condividi!

Ancora una sentenza eversiva da parte delle toghe rosse, con la quale impongono l’iscrizione all’Anagrafe di un ‘richiedente asilo’, quindi di un clandestino. E lo fanno, appigliandosi neanche al merito, ma ad un cavillo:

Il Tribunale di Firenze ha respinto il reclamo del Ministero dell’Interno che aveva impugnato la decisione di un giudice che ha autorizzato un somalo richiedente asilo a presentare domanda di iscrizione all’anagrafe al Comune di Scandicci. Comune che aveva rifiutato l’iscrizione basandosi sulle recenti norme del ‘Decreto sicurezza’. Era la prima sentenza di questo genere seguita, poi, da altre decisioni dei Tribunali di Bologna e Genova. Il ricorso del Ministero è dello scorso marzo.

VERIFICA LA NOTIZIA

Il Tribunale di Firenze ha confermato il primo verdetto, scaturito dal ricorso dell’avvocato Noris Morandi dell’Associazione studi giuridici sull’immigrazione, bocciando il reclamo del Ministero che, secondo i giudici, non aveva “legittimazione” ad impugnare perché non partecipò al primo grado. “Avrebbe potuto intervenire volontariamente nel processo di prima fase, e in tal caso sarebbe stato legittimato a proporre il reclamo”, hanno scritto i giudici, chiarendo che il Viminale dovrà versare 2767 euro di spese legali allo Stato per il gratuito patrocinio del somalo.

Dobbiamo anche finanziare gli avvocati di Soros, quelli del famigerato Asgi, che fanno ricorsi preordinati e in tribunali scelti in maniera molto ‘attenta’ per imporre la registrazione di clandestini.

Le toghe rosse vanno depotenziate. Non sono magistrati: sono politici non eletti travestiti da giudici.




Un pensiero su “Tribunale impone registrazione Anagrafe di clandestino: e di pagargli l’avvocato!”

Lascia un commento