La sinistra vuole tornare al voto per censo

Condividi!

Anche il consigliere comunale del Pd milanese, l’islamica Sumaya Abdel Qader, condivide sulla propria bacheca di Facebook un articolo dal titolo “Gli italiani all’estero votano Pd“ pubblicato dal nuovo sito di “notizie” fondato da Enrico Mentana.

Per questa dissonanza si possono fare analisi sociologiche, la prima è che non è il “voto degli italiani all’estero”, ma il voto del 7% degli italiani all’estero, che è l’affluenza reale, quindi una microscopica minoranza. In genere lavoratori di ambasciata o comunque classi privilegiate, non certo quello che va a fare il cameriere a Londra perché è più ‘cool’ rispetto al farlo a Venezia.

Oppure, rovesciando le stupidaggini di Riotta e dell’islamica, perché all’estero arrivano solo le notizie che filtrano dalla stampa politicamente corretta e bugiarda e non vivono la situazione italiana di prima mano.

E’ evidente, la sinistra è ormai quello che era l’oligarchia prima del suffragio universale. Vuole tornare al voto per censo. A meno che, ovviamente, non si parli di immigrati.




2 pensieri su “La sinistra vuole tornare al voto per censo”

  1. Perché hanno visto il mondo, che stronzata. Sono solo stanziali ma in un altro paese che non sia l’Italia e come al solito fanno i froci con il culo degli altri. Quelli che hanno visto il mondo (come me modestamente) con il cazzo che votano PD !! E gianni riotta di sicuro non ha visto un cazzo di quello che avrebbe dovuto vedere. Invece che stare in america vada a vivere nei paesi africani, in sud africa magari, poi ne riparliamo

Lascia un commento