Clandestino col foglio di via pesta passanti per divertimento

Condividi!

Tre aggressioni in meno di 24 ore: un ghanese di 29 anni, ubriaco e con un demenziale foglio di via emesso in febbraio, ha scatenato il terrore tra le strade di Vicenza.

VERIFICA LA NOTIZIA

Ha aggredito in successione un ragazzo di 20 anni, un secondo di 15 e una signora sulla cinquantina.

Sempre senza alcun motivo.

L’africano, bloccato dagli agenti per la denuncia del primo giovane, neanche una volta caricato sull’auto della polizia si è calmato tanto che ha iniziato ad inveire contro i poliziotti e a colpire i finestrini con pugni.

Una volta in Questura è stato sottoposto ai controlli di rito: dagli accertamenti è emerso che l’uomo è M.O.A., cittadino ghanese che da febbraio ha a carico un foglio di via non rispettato. Il clandestino, senza un minimo di lucidità, ha continuato nella sua condotta violenta provando anche a sfondare le porte.

Nel frattempo, negli uffici si è presentata una donna per denunciare l’aggressione subita dal figlio di 15 anni sul ponte di San Michele poco dopo le 14.30. Uno straniero, infatti, si era avvicinato al giovane e lo aveva colpito con un pugno in faccia provocandogli la rottura degli occhiali.

L’adolescente ha subito riconosciuto nel ghanese l’autore della violenza. Storia finita? No, perché il giorno seguente l’immigrato si è messo per la terza volta nei guai. Poco prima delle 13 è stato notato ubriaco da una pattuglia in Contrà Porta Santa Lucia.

Alla richiesta di salire in auto, l’africano è andato in escandescenza. Nel corso dell’intervento, gli agenti sono stati avvicinati da una coppia sulla cinquantina che ha denunciato che lo stesso straniero poco prima aveva sferrato un calcio alla donna.

M.O.A., a quel punto, è stato fermato ed accompagnato, di nuovo, in Questura a Vicenza dove è stato denunciato per lesioni e per non avere rispettato il foglio di via e multato per ubriachezza.

Ora basta chiacchiere. Urgono rimpatri di massa. Clandestini in manette che si dirigono, a centinaia ogni giorno, verso aerei che li riportano a casa. E se il M5s non ci sta, allora si vada ad elezioni.




Lascia un commento