Bergoglio è il più grande sconfitto delle elezioni: i cristiani votano Salvini

Condividi!

E’ un trionfo. Se sommiamo i voti dei partiti sovranisti italiani, a partire dalla Lega, la soglia psicologica del quaranta per cento viene superata di slancio.

Nell’ultimo mese di campagna elettorale, tutto il complesso clericale che fa capo a Bergoglio si è esposto alla disperata contro Salvini. Arrivando di fatto a chiedere ai fedeli di votare tutti, tranne lui.

E’ stato un gesto rischioso, perché scopriva la Chiesa alla possibilità di mostrarsi all’opinione pubblica, in caso di sconfitta, come ininfluente.

Ebbene, come avevamo previsto, così è stato, si è rivelata tutta l’irrilevanza della Chiesa moderna: non contate un cazzo. E Dio è con noi.

Avete chiesto di aprire i porti, gli italiani vi hanno chiuso le porte in faccia. Avete riacceso la luce agli abusivi, gli italiani l’hanno spenta a voi.

Queste elezioni, voi, le avete trasformate in una sorta di ordalia, e avete perso.

Da questo non si tornerà più indietro. Una piazza ha fischiato il vostro Papa, che non è il nostro. Vescovi, giornali ‘cattolici’ e intellettuali hanno descritto Salvini come una sorta di eretico: la risposta degli italiani è stata che voi siete gli eretici.

Nulla sarà più come prima. Perché da ieri in poi, le vostre minacce suoneranno vuote come i vostri cuori. E le vostre chiese, che per colpa vostra, tanti fedeli stanno abbandonando.

Convertitevi!




2 pensieri su “Bergoglio è il più grande sconfitto delle elezioni: i cristiani votano Salvini”

Lascia un commento