“Africani sono diversi da noi”, per questa frase Kyenge risarcita con 50mila euro

Condividi!

La Cassazione ha confermato in via definitiva la sentenza di condanna per diffamazione aggravata dall’odio razziale per Mario Borghezio.

VERIFICA LA NOTIZIA

L’esponente leghista dovrà ora pagare mille euro di multa e risarcire 50 mila euro a Cecile Kyenge, l’ex ministro dell’Integrazione nel governo Letta.

Al centro del processo, alcune frasi pronunciate da Borghezio durante la trasmissione radiofonica “La Zanzara” il 29 aprile 2013. L’europarlamentare uscente, infatti, si era espresso sulla nomina di Kyenge a ministro affermando, tra le altre cose, che “gli africani sono africani e appartengono a un’etnia molto diversa dalla nostra“.

Certe sentenze non sono nemmeno commentabili, sono semplicemente spazzatura ideologica. Fino a che la legge Mancino non verrà abrogata, in Italia non esisterà libertà di espressione.

E se non esiste la libertà di espressione, non esiste libertà.

Non di meno, “gli africani sono africani e appartengono a un’etnia molto diversa dalla nostra“. Anche se razza sarebbe un termine più appropriato.




Lascia un commento