In Austria è stato un colpo di Stato con altri mezzi

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Non abbiamo parlato di quanto avvenuto in Austria, con il leader populista Strache dimissionato per un video girato, a sua insaputa, nel 2017, in cui prometteva incarichi in cambio di finanziamenti ad una presunta ricca russa. Il video è stato tenuto in bagno per due anni e tirato fuori proprio alla vigilia delle elezioni Ue. Facendo collassare il governo con il popolare Kurz.

Che però già aveva strane idee:

Oggi, tutti i ministri della Fpoe hanno lasciato il governo del cancelliere popolare, Kurz, dopo che questi aveva destituito il ministro dell’Interno. Kickl (Fpoe), per “garantire” piena indagine sul caso dell’ex vice cancelliere Strache (Fpoe) che nel video incriminato avrebbe promesso appalti pubblici a una presunta ereditiera russa (era poi una trappola) in cambio di un sostegno elettorale al partito.

Kurz chiede al presidente van der Bellen, eletto con i brogli anni fa, di sostituire tutti i ministri con “esperti o funzionari di punta” per preservare l’attività del governo.

Ecco a voi il governo tecnico.




Un pensiero su “In Austria è stato un colpo di Stato con altri mezzi”

Lascia un commento