Sea Watch è a Lampedusa: vietato sbarco, è terrorismo

Condividi!

Come altro definire la violazione delle acque territoriali di un Paese sovrano da parte di una nave tedesca che batte bandiera olandese, che da anni carica clandestini in Libia ed esige di sbarcarli in Italia?

E’ un chiaro attacco alla sovranità nazionale. E’ un gesto eversivo e terrorista da parte di un’organizzazione privata finanziata da Soros. Non solo: è anche un intromissione palese nella campagna elettorale e un tentativo di sovvertire l’ordine democratico attraverso l’imposizione di una politica migratoria opposta a quella votata dagli italiani.

VERIFICA LA NOTIZIA
Sea Watch è a Lampedusa. Una gravissima violazione. Intanto, il ministero dell’Interno ha diffidato la Sea Watch 3 dall’ingresso nelle acque italiane. Fonti del Viminale fanno sapere che la linea non cambia, precisando che lo sbarco non è stato autorizzato dopo l’annuncio della ong della violazione della nave in acque italiane, in direzione Lampedusa.

“Se qualcuno non è d`accordo – proseguono le fonti – si prenda la responsabilità pubblica di dirlo e di autorizzarlo. Li consideriamo complici dei trafficanti”.

SeaWatch, a bordo i clandestini già contano i soldi da spendere a Lampedusa – VIDEO




Lascia un commento