Africani devastano treno a Milano: convoglio soppresso!

Condividi!

Tre gambiani (due di 21 anni e uno di 26) sono stati arrestati dalla polizia per i disordini scoppiati a bordo di un convoglio Trenord. Il treno è stato bloccato dagli africani alla stazione di Porta Genova, a Milano, durante l’intervento della capotreno. Una donna contro quattro africani.

VERIFICA LA NOTIZIA

Negli scontri, gli immigrati sono rimasti feriti e sono stati tutti trasportati all’ospedale Fatebenefratelli, il più grave è il 26enne, un richiedente asilo politico che ha riportato un taglio al volto. Medicato anche un senegalese di 47 anni colpito alla testa da una pietra durante una sassaiola con i gambiani.

I disordini sono scoppiati per il presunto furto di un cellulare da parte di uno dei tre gambiani, che si sono affrontati anche con cocci di bottiglia. L’allarme alla polizia è stato lanciato dai passeggeri e dalla capotreno, che è riuscita a fermarne solo uno mentre gli altri due sono scappati all’esterno dopo aver attivato il freno di emergenza. Una volta in banchina hanno continuato a picchiarsi, poi sono passati al lancio di pietre e circa 45 minuti dopo gli agenti sono riusciti a bloccarli. Intanto il treno è stato soppresso.

Questi vanno presi casa per casa e rimandati a casa. La loro.




Lascia un commento