Grillo minaccia Salvini: “Lo manderei a calci a lavorare”

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Beppe Grillo contro Salvini: “Ritengo le sue idee di allo stesso livello dei dialoghi di uno spaghetti western. Lo manderei a calci a fare il suo lavoro al Viminale… però siamo al Governo, dobbiamo essere più consapevoli…”.

E a seguire, Grillo spende parole al miele per il suo Luigi Di Maio, anche se le Europee del 26 maggio dovessero essere negative per il M5s: “Se andranno male devo sfiduciarlo? Quello che conta è non perderci, non la possibilità di perdere”. Mentre su un esponente di punta delle opposizioni, il dem-europeo Carlo Calenda dice: “Uomo autoreferentialis, una specie di gigolò confindustriale”.

“Il Pd in cambio di una bella concessione per dare la mancetta elettorale da 80 euro a chi già lavorava, si è impegnato a trasformare l’Italia in un campo profughi. Poi è intervenuto Minniti, perché gli stava sfuggendo di mano il Mediterraneo, nell’indifferenza più assoluta. Adesso noi passiamo per razzisti… e no, questa è una tragica giostra, ma bisogna starci sopra fino in fondo”.

Non senti, Grillo, il fronte della tempesta che si avvicina?

La risposta di Salvini:




Un pensiero su “Grillo minaccia Salvini: “Lo manderei a calci a lavorare””

Lascia un commento