Esibizionista sardo sciopera contro l’espulsione dei clandestini

Condividi!

Non solo Padre Maronno, al secolo Biagio Conte, anche un altro esibizionista in sciopero della fame per i clandestini:

https://www.google.com/search?q=(ANSA)+-+CAGLIARI%2C+15+MAG+-+Decreto+di+espulsione+di+Paul+-+il+ragazzo+ghanese+che+ha+perso+il+lavoro+a+causa+delle+sue+condizioni+di+salute+-+sospeso+dal+Tar+di+Palermo.+Ma+in+Sardegna%2C+sull%27esempio+di+Fratel+Biagio%2C+il+religioso+che+per+quindici+giorni+non+ha+toccato+cibo+in+segno+di+solidariet%C3%A0%2C+la+protesta+continua.+Da+oggi+Antonello+Repetto%2C+aderente+a+Pax+Christi+italiana%2C+protagonista+di+mille+battaglie+in+favore+degli+ultimi%2C+ha+iniziato+un+personale+sciopero+della+fame.+Lo+aveva+programmato+nei+giorni+scorsi.+E%2C+nonostante+lo+stop+all%27espulsione%2C+ha+deciso+di+andare+avanti+comunque.&oq=(ANSA)+-+CAGLIARI%2C+15+MAG+-+Decreto+di+espulsione+di+Paul+-+il+ragazzo+ghanese+che+ha+perso+il+lavoro+a+causa+delle+sue+condizioni+di+salute+-+sospeso+dal+Tar+di+Palermo.+Ma+in+Sardegna%2C+sull%27esempio+di+Fratel+Biagio%2C+il+religioso+che+per+quindici+giorni+non+ha+toccato+cibo+in+segno+di+solidariet%C3%A0%2C+la+protesta+continua.+Da+oggi+Antonello+Repetto%2C+aderente+a+Pax+Christi+italiana%2C+protagonista+di+mille+battaglie+in+favore+degli+ultimi%2C+ha+iniziato+un+personale+sciopero+della+fame.+Lo+aveva+programmato+nei+giorni+scorsi.+E%2C+nonostante+lo+stop+all%27espulsione%2C+ha+deciso+di+andare+avanti+comunque.&aqs=chrome..69i57&sourceid=chrome&ie=UTF-8

VERIFICA LA NOTIZIA

In Sardegna, sull’esempio di Padre Maronno, il religioso che per quindici giorni dice di non avere toccato cibo, Antonello Repetto, aderente a Pax Christi italiana, ha iniziato un personale sciopero della fame. Lo aveva programmato nei giorni scorsi. E, nonostante lo stop all’espulsione dell’amichetto di Conte, ha deciso di andare avanti comunque.

“Il decreto è solo sospeso – ha detto – ma il problema non è risolto. Abbiamo vinto una battaglia, ma non la guerra. Per questo, sotto controllo medico, andrò avanti con lo sciopero della fame fino a quando non mi sosterranno le forze”.

Tutto ok nella prima giornata senza pasti: il medico non ha riscontrato alcun problema. E Repetto non molla.

Questa cosa è bizzarra. Uno, perché implica che il fanatismo di pochi valga più della volontà della maggioranza, il che è democraticamente una bestemmia. Ma anche un atto di grande violenza.

E poi, che ci frega a noi se loro non mangiano? Hanno mangiato abbastanza.




Lascia un commento