Alain Delon: no adozioni gay, non cambio idea

Condividi!

Alain Delon vittima del fanatismo gaio, che contestano la Palma d’oro alla carriera assegnata all’attore francese.

VERIFICA LA NOTIZIA

“Mi si può amare oppure no, ma non si può contestare la mia carriera”, ha risposto l’attore transalpino a un giornalista del quotidiano Le Figaro.

Ma cosa contestano i fanatici a Delon? Un’intervista del 2013 durante il dibattito sul Mariage pour Tous.

“Avevo soprattutto detto che non me ne importa assolutamente nulla se i gay si sposano. Ma che c’è una cosa che non voglio, e sono le adozioni, perché un figlio ha bisogno, a mio parere, di una mamma e di un papa”.

Affondati.

Delon e Bardot, come simboli di una Francia che a Parigi non c’è più, sono anatema per i radical chic della dissoluzione etnica e morale.




Lascia un commento