Spacciatori gli vietano di fotografare fiori, carabinieri: “Inutile denunciare”

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
«Giovedì alle ore 13.00, – racconta Michael Watson, un fotografo che vive a Trento – approfittando del bel tempo ero al parco santa Chiara, ci ero stato anche il giorno prima. L’idea era di fare delle fotografie macro a fiori, insetti, piante varie ecc… Il parco era pieno di ragazzi, immagino in pausa pranzo e alcuni bambini accompagnati dalle loro mamme, tutto in ordine finché mi sono fermato a parlare con una signora».

«Ad un certo punto sento delle urla dall’altra parte del parco e un tipo nord africano mi si avvicina correndo e cerca di aggredirmi e obbligarmi a non fotografare nel parco, perché è il loro territorio dice. Poi tutto agitato urla che non è possibile che io passi 2 giorni a girare per il parco di santa Chiara a fare delle fotografie, mi minaccia nuovamente e mi obbliga con rabbia ad andarmene insultandomi e dicendomene di tutti i colori mentre mi allontano».

«Ho dovuto smettere di fare delle splendide fotografie – continua Michael – perché sono una persona civile e perché non volevo mettere a rischio la signora vicino a me, suo figlio di 12 anni, e la mia macchina fotografica che ho comprato con il sudore del mio lavoro».

Non finisce qui. L’uomo chiama i carabinieri e la Questura, ma non arriva nessuno. Dalla Questura, dice, nemmeno gli rispondono.

Decide allora di andare direttamente lui, dai carabinieri: «Arrivato in caserma però mi dicono che non mi conviene denunciare perché a Trento ci sono solo 3 pattuglie ed i miracoli non gli possono pare. Mi dicono anche di cercare di evitare di passare da certe spazi pubblici perché Trento non è sicura e che uno non può giocare coi bambini, fare un picnic con gli amici, sedersi sul prato con la ragazza o fare una pausa pranzo perché probabilmente verrà aggredito. Io non ho figli ma non potrei permettermi di vivere in una città in cui devo avere sempre il terrore quando i miei figli stanno al parco con la mamma o quando con gli amici mi godo la natura dei parchi e vedo questi elementi spacciare a meno di 10 metri dagli altri.»

Questi ci vogliono tenere chiusi in casa. Ha ragione Michael: non dobbiamo permettere che vincano. Dobbiamo riprenderci il territorio palmo a palmo.

Il consiglio dei carabinieri è la cartina di tornasole di cosa ha combinato il Pd traghettato in Italia migliaia e migliaia di clandestini.




Un pensiero su “Spacciatori gli vietano di fotografare fiori, carabinieri: “Inutile denunciare””

Lascia un commento