Italia sotto assedio: 1.100 clandestini lanciati in 3 giorni, Salvini ne respinge 900

Condividi!

I media tacciono su quanto sta avvenendo in questi giorni: terrorismo umanitario

Un vero assedio. Che non può essere casuale. Iniziato dopo l’annuncio, in arabo, dell’arrivo in Libia (addirittura indicavano la zona) della nave Mare Jonio dell’ong Mediterranea:

Da quel giorno, è iniziata l’ondata di partenze. Gli scafisti libici si sono scatenati. Mettendo in mare decine di gommoni diretti verso l’Italia. Contemporaneamente, partivano barconi anche da Tunisia e Turchia.

Fino a ieri sera:

Salvini ferma l’invasione programmata: respinti 800 clandestini in 48 ore

Ma nella notte altri 80 clandestini su un barcone sono stati riportati in Libia:

Riportati in Libia altri 80 clandestini

E altri 65 in Tunisia.

Mentre 64, provenienti probabilmente dalla Turchia, venivano scaricati a Crotone:

Grillini scatenati: scaricati 64 clandestini a Crotone perché piove

Questo porta gli sbarcati nelle ultime 72 ore a quasi 200 clandestini, tanti quanti quelli arrivati nei 10 giorni precedenti, e a quasi 900 quelli respinti. Inutile dire cosa sarebbe accaduto senza Salvini: 1.100 sbarcati in 72 ore.

Questo è un attacco preordinato all’Italia. Un’azione eversiva portata avanti da chi vuole colpire Salvini.

E se è vero quanto ha scritto Il Mattino:

Di Maio ai suoi: fatti sbarcare 136 clandestini per colpire Salvini

Sappiamo chi lavora contro l’Italia per togliere quattro volti al leader della Lega.




Un pensiero su “Italia sotto assedio: 1.100 clandestini lanciati in 3 giorni, Salvini ne respinge 900”

Lascia un commento