Islamico massacra gay: “Nel mio Paese non sai che ti farebbero”

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
«Ho preso tante di quelle botte, ma tante di quelle botte. Ho preso tanti pugni in faccia e ginocchiate alle gambe».

Domenico piange quando deve far verbalizzare la frase: «Mi ha detto ‘Brutto finocchio di m…a, nel nostro Paese non sai quello che fanno a quelli come te’».

Domenico, 37 anni, palermitano, vive a Verbania.

Gli è stato consigliato di ‘cambiare aria’ dopo le botte che ha preso l’1 marzo del 2016, un martedì, in corso Mazzini. Dal 2009 lavorava all’Esselunga («Ero ausiliario addetto alle vendite nel reparto latticini») e arrotondava, facendo l’istruttore di fitness alla palestra Prima Classe con ingresso in vicolo Stella. Quella sera, a mettergli le mani addosso è stato Adnen Hamraoui, 35 anni, tunisino, frequentatore della palestra: un occhio pesto, naso e mascella rotti, contusioni alla testa e al torace, 25 giorni di prognosi.

«Una violenza inaudita e senza ragione, se non l’omofobia», testimonia Domenico nel processo iniziato ieri.

L’accusa è di lesioni. L’aggravante dell’omofobia non è stata contestata ad Hamraoui, perché è islamico e le solite associazioni gaie, non si sono nemmeno impegnate a porsi come parte civile come, invece, accade se qualcuno scrive che i gay non devono adottare bambini.




2 pensieri su “Islamico massacra gay: “Nel mio Paese non sai che ti farebbero””

Lascia un commento