Via della Seta, Prodi nel direttivo: complimenti a Di Maio

Condividi!

Due vecchi arnesi della politica italiana nella Via della Seta. Romano Prodi nell’Advisory Council internazionale. Oliviero Diliberto preside a Wuhan. Rottami della sinistra.

VERIFICA LA NOTIZIA

Prodi era, come ricorderete, presidente della Commissione Ue quando la Ue ha spalancato la porta ai prodotti cinesi, facendo un grosso favore alla Germania e disastrando l’economia italiana. Evidentemente pagano il conto.

Diliberto non è strano che sia lingua in bocca con i turbocapitalisti rossi, lui comunista radical chic.

La cosa bizzarra è che il governo italiano sia complice di questa follia.

“Costruire un’economia aperta contro il protezionismo”. E’ il messaggio lanciato dal presidente cinese Xi Jinping in occasione della sessione plenaria del secondo Forum sulla Via della Seta a Pechino, cui partecipano 37 fra capi di Stato e di governo di Paesi europei (solo l’Italia), asiatici ed africani.

E dal loro punto di vista è giusto: loro hanno interesse ad esportare tutta la loro merda in Europa senza dazi. Saremmo noi che non dovremmo permetterlo. Invece abbiamo un genio come Di Maio ministro del Lavoro e un uomo di Sant’Egidio come premier.




Lascia un commento