Nigeriani beccati a rubare: “Costretti da spiriti”, scarcerati

Condividi!

Troveranno un magistrato che crede agli spiriti?

VERIFICA LA NOTIZIA

Sorpresi a rubare vestiti in un centro commerciale di Ravenna, all’arrivo dei militari i due nigeriani di 19 e 20 anni hanno cercato di minimizzare sostenendo di essere stati costretti a farlo spinti dalle “voci degli spiriti”.

Dopo la ricostruzione dei fatti, i due ladri, regolari sul territorio dello Stato e senza precedenti penali, sono stati dichiarati in stato di arresto per furto aggravato.

Mercoledì, dopo una notte nelle camere di sicurezza del Comando Provinciale dei Carabinieri, con la convalida del provvedimento e la richiesta di patteggiamento, il giudice per le indagini preliminari di Ravenna ha imposto a entrambi sei mesi di reclusione, pena sospesa, e una multa di 200 euro a testa.

Forse anche alcuni nostri magistrati sono spinti a liberare i nigeriani dalle “voci degli spiriti”, oppure sono semplicemente stronzi.




Lascia un commento