SriLanka, il gesuita di Bergoglio non condanna islamici

Condividi!

Padre Spadaro, direttore della Civiltà Cattolica, è la vera eminenza grigia di questo pontificato e dunque la sua interpretazione di quanto avvenuto in Sri Lanka inevitabilmente viene letta come quella ufficiale della Santa Sede. Dunque, la parola d’ordine è: parlare genericamente di terrorismo senza mai indicare l’islam; non sottolineare troppo che le vittime sono cristiane, e cattoliche in particolare; indicare che l’obiettivo del terrorismo sono tutte le religioni e la loro convivenza. Tutte cazzate, insomma. Il contrario della chiarezza evangelica.

La reazione nei commenti è ‘brutale’.




Lascia un commento