Svezia, vietato a scuola discorso pro-Israele: per non turbare islamici

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Uno studente di 17 anni di una scuola superiore svedese ha tentato di fare un discorso pro-Israele di fronte ai suoi compagni di classe, ma gli è stato dagli insegnanti, timorosi di “reazioni negative”.




2 pensieri su “Svezia, vietato a scuola discorso pro-Israele: per non turbare islamici”

  1. Israele è uno stato canaglia. Al di là di tutta la fuffa e le menzogne che vengono raccontate dai padroni del discorso, gli ebrei sono molto più deleteri dei mussulmani. Leggetevi il talmud di queste merde tanto odiose e razziste quanto puerili e grottesche. Assassini diabolici, ipocriti, lamentosi e stomachevoli. Un popolo spregevole che odia tutti e si sente superiore a tutti. Poveretti, hanno per padre satana.

    1. 10 e lode. Aggiungo che la nascita di Israele e il trattato di Sykes-Picott meriterebbero 8 ore di documentario con l’ultima mezz’ora dedicata agli ugonotti del Mayflower per spiegare chi sono i loro discendenti e in che modo sono coinvolti nella faccenda. (Iniziate la vostra ricerca dalla persona di Anderson Cooper, anchor-man della CNN, che è un discendente della dinastia dell’acciaio Vanderbilt).

Lascia un commento