SriLanka: altre 84 bombe, sono stati islamici

Condividi!

I miliziani del National Thowheeth Jama’ath, un gruppo islamico locale, sono i responsabili dell’ondata di attentati contro la comunità cristiana

VERIFICA LA NOTIZIA

La polizia cingalese ha trovato 87 detonatori in una stazione di autobus a Pettah, un sobborgo di Colombo. Lo ha riferito la polizia. Nel frattempo una nuova “piccola esplosione” si è verificata a Colombo, fuori dalla chiesa di Sant’Antonio già colpita dagli attentati di ieri in Sri Lanka, causando il panico e spingendo la gente alla fuga. La polizia cingalese ha trovato un’autobomba nei pressi della chiesa di Sant’Antonio a Colombo, uno degli obiettivi dei sanguinosi attacchi che a Pasqua hanno causato oltre 300 morti e più di 500 feriti. L’autobomba e’ esplosa mentre gli artificieri stavano cercando di disinnescarla.

Il giornalista di Repubblica Raimondo Bultrini è rimasto ferito in modo lieve in conseguenza dell’esplosione della bomba nei pressi della chiesa di Sant’Antonio, a Colombo. Nella ressa per la fuga. Forse Repubblica dirà, finalmente, che sono stati i musulmani.

La detonazione è avvenuta “nel momento in cui personale delle forze di sicurezza cercava di neutralizzare un ordigno individuato in un veicolo”

Sri Lanka: i kamikaze erano sette, due all’hotel Shangri-La. 24 arresti, i morti salgono a 290

Gli attacchi coordinati di Pasqua in Sri Lanka sono opera di sette kamikaze islamici. Lo ha comunicato in conferenza stampa uno degli investigatori, Ariyananda Welianga, aggiungendo che gran parte degli otto attacchi e’ stata realizzata da una sola persona, ma l’hotel di lusso Shangri-La e’ stato colpito da due attentatori.

La polizia ha arrestato 24 islamici in relazione agli attentati.

“Gruppi terroristici” continuano a pianificare attacchi in Sri Lanka, dopo gli attentati di Pasqua. L’allerta, citata dalla Reuters, e’ stata emanata domenica dal Dipartimento di Stato Usa, secondo il quale “hotel e luoghi di culto” restano tra gli obiettivi, ai quali si aggiungono localita’ turistiche, centri commerciali, aeroporti e altre aree pubbliche.

Una bomba artigianale e’ stata trovata e disinnescata vicino al principale aeroporto internazionale dello Sri Lanka; l’ordigno e’ stato trovato nella serata locale, poche ore dopo la serie di attacchi coordinati che hanno ucciso 207 persone, in tre chiese e quattro hotel, nella domenica di Pasqua. Lo riferiscono i media locali. E’ stata una pattuglia dell’aeronautica militare impegnata in una ricognizione di routine a fare la scoperta: l’ordigno e’ stato trovato in strada, molto vicino all’aeroporto principale del Paese, il Bandaranaike International, noto anche come aeroporto Katunayake o Colombo International, situato vicino la capitale. Gli artificieri lo hanno fatto brillare in maniera controllata senza che ci fossero danni. Dopo la serie di attentati della mattina, l’aeroporto era gia’ in una situazione di massima allerta.




Lascia un commento