Niente 35 euro, Caritas e Coop chiudono le porte ai profughi

Condividi!

Caritas di Treviso e Vittorio Veneto e cooperative sociali, La Esse, Una casa oper l’uomo, Gea e Alternativa, annunciano ufficialmente che non parteciperanno alla nuova gara indetta dalla Prefettura per l’accoglienza dei richiedenti asilo.

VERIFICA LA NOTIZIA

I nuovi bandi, diretta conseguenza del Decreto Salvini, riducono i margini di guadagno. La mangiatoia è finita.




Lascia un commento