«Arriveremo dal Marocco e taglieremo la gola a voi italiani»

Condividi!

Infanzia, amicizie e stranezze del ragazzo arrestato dalla Digos per legami con l’Isis:

Terrorismo islamico, figlio immigrati e l’amico italiano pronti a compiere attentati

Sin da bambino, per strada, i suoi coetanei lo prendevano in giro per le raffiche di frasi minacciose e incontrollate che, quando si arrabbiava, gli uscivano di bocca e che all’epoca venivano considerate niente più di semplici «sparate».

VERIFICA LA NOTIZIA

A Ossona – paese di 4mila anime a 27 chilometri a nord ovest di Milano dove una moschea o un qualunque centro culturale islamico costituiscono ancora realtà lontane anni luce, mentre la chiesa resta «il faro» della comunità – un ragazzino nordafricano piccolo di statura e mingherlino, appartenente a uno dei primissimi nuclei familiari di migranti venuti a vivere in Italia, non poteva creare alcun tipo di allarme. In questa località, dove i bambini giocano ancora tutti per strada, il piccolo Ossama Ghafir, 18 anni compiuti a gennaio, che spaventava gli amici gridando: «Arriveremo dal Marocco e taglieremo la gola a voi italiani», non poteva che suscitare al massimo un po’ di ilarità. Per il resto era un bambino come tutti gli altri.

Seconde generazioni.




Lascia un commento