Boldrini difende Ong: ‘Salvini illegale, non le può fermare’

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
La Boldrini attacca Salvini e difende le Ong: “Una direttiva non può mettere in discussione una convenzione internazionale che ha rango costituzionale. È noto che le acque territoriali non sono inibite alle navi straniere. Né tanto meno a quelle italiane che compiono passaggi inoffensivi. Queste direttive, invece, capovolgono il principio, affermando che alcune imbarcazioni debbano chiedere un permesso. La verità è che il soccorso è un obbligo di legge, deve essere rapido, va indicato il porto sicuro, le persone non possono essere tenute a bordo per giorni. Invece sta emergendo un paradosso: l’Italia chiede alla Libia, che non risponde alle chiamate di soccorso e che non è porto sicuro, di coordinare le operazioni di salvataggio e di indicare il porto sicuro. Salvini sta bypassando la legalità nazionale e internazionale. È un modo di fare scriteriato e da avventuriero. E la presunzione della presenza di terroristi a bordo? Come fa il ministro dell’Interno con un tweet a dire – ex ante – che ‘è una certezza’ che a bordo ci siano terroristi? Se ha notizie in merito si rivolga alla magistratura, altrimenti la smetta di fare allarmismo”.

Comico, terroristi in partenza dalla Libia e ‘rivolgiti alla magistratura’. Tipica reazione da burocrate da organizzazioni ‘umanitarie’.

Le navi delle Ong non sono imbarcazioni che casualmente incontrano una barca in difficoltà e la soccorrono, vanno in zona proprio per trovare barconi ‘in difficoltà’ e traghettarne gli ospiti, nemmeno nel porto sicuro più vicino, che anche secondo le bizzarre regole internazionali della Boldrini sarebbe la Tunisia, ma per forza in Italia: questo è traffico di clandestini. E non sorprende che Boldrini ne difenda i ‘principi’.




Un pensiero su “Boldrini difende Ong: ‘Salvini illegale, non le può fermare’”

  1. La solita boldrinata e non sarà nemmeno l’ultima, nella speranza che nessuno si degni più di pubblicare queste sue dotte e fallaci esternazioni. D’altronde questa qui vive solo di parole, mentre i sacrifici per mantenere gli immigrati, devono farli le persone che pagano le tasse e non ricevono servizi. Ovvero proprio quelli che lei non sopporta. Intanto ha smesso di andare a visitare i terremotati, forse la gente del luogo non gradiva, oppure non fa più notizia. Comunque mai fidarsi di un politico, specie se si trova a sinistra. Ma cosa significa ora essere di sinistra? Con gente così, il significato ormai è magicamente contrario.

Lascia un commento