Bagni per ‘terzo sesso’ a Reggio: il Pd è un trans-partito

Condividi!

Reggio è letteralmente invasa dagli spacciatori africani, il Pd pensa ai bagni per i trans. La fine della sinistra non sarà tragica, ma comica.

VERIFICA LA NOTIZIA

Bagni ‘gender free’ in municipio, aggiunta di una terza opzione di genere sui questionari con la casella ‘altro’ oltre all’opzione maschio/femmina, adozione di un linguaggio inclusivo e possibilità per lavoratori degli enti aderenti di utilizzare l’alias in caso di fase di cambio di sesso.

Sono i bizzarri impegni assunti tramite un protocollo firmato oggi a Reggio Emilia per “contrastare le discriminazioni verso gli orientamenti sessuali degli Lgbti (lesbiche, gay, bisessuali, transessuali e intersessuali)”. Per i promotori è il primo del genere in Italia. Non avevamo dubbi che iniziassero dalla città di Delrio.

Il protocollo è stato siglato, alla presenza anche dell’assessore regionale alle pari opportunità Emma Petitti, da diversi enti istituzionali – tra cui Comune e Ausl – della città in cui tre anni fa si è celebrata la prima unione gay del Paese.




Lascia un commento