Salvini: ‘Nigeriani’ che partono dalla Libia non sono profughi

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
«Rispetto il lavoro del collega Di Maio che si occupa di lavoro e sviluppo economico – dice Salvini -. Chiedo altrettanto rispetto: di ordine, di sicurezza e confini me ne occupo io. Finché sarò ministro, i porti restano sigillati per i trafficanti di esseri umani».

E’ evidente che ampi settori del complesso industriale e politico che si è arricchito con gli sbarchi, e che per semplicità potremmo definire ‘Mafia Capitale’, tifi per la destabilizzazione della Libia. Insieme alla mafia nigeriana.

Per questo le incontinenze verbali dei grillini sui ‘porti aperti in caso di guerra’ sono stupide e vergognose: ogni volta che un grillino apre bocca, uno scafista prepara un barcone.

Sul tema Salvini non è arretrato di un millimetro, anzi: “Sui porti e sui migranti fino a oggi io, Toninelli e Di Maio abbiamo condiviso tutte le decisioni, e anche i processi”.

Salvini ha poi chiarito i motivi della sua decisione, soprattutto dopo le indiscrezioni sull’irritazione dei vertici militari: “Occorre coinvolgere l’Europa e lavorare per la pace – ha detto il capo del Viminale – ma da ministro dell’Interno difendo la sicurezza degli italiani, ci sono 500 terroristi dell’Isis nelle carceri libiche, se ne scappano alcuni e salgono sul primo barcone impedire l’arrivo dei barche e barchette e’ ancora piu’ importante. Al momento fortunatamente – ha aggiunto Salvini – ci sono scontri e non guerra. Non si arriva senza permesso, se ho il rischio che arriva un terrorista non do l’autorizzazione allo sbarco neanche a un barcone”.

Chiariamolo una volta per tutte: se scoppiasse una vera guerra in Libia, i profughi sarebbero gli eventuali libici che scappassero da casa loro, non i nigeriani che andassero in Libia per prendere il primo barcone verso l’Italia!

Per questo sarebbe decisivo e necessario, in quel caso, un blocco navale e selezione in territorio libico. Tanto di libici non ne partiranno mai.

Non ne sono partiti nemmeno nel drammatico 2011:

Non arrivano libici sui barconi: meno di 300 in 8 anni




Lascia un commento