Salvini di nuovo indagato per avere difeso i confini, e risponde a Di Maio: “Porti rimangono chiusi”

Condividi!

Il ministro dell’Interno Salvini è nuovamente iscritto nel registro degli indagati per il reato di “sequestro di persona commesso in Siracusa dal 24 al
30 gennaio 2019”. E’ il caso della SeaWatch.

Lo ha detto lo stesso Salvini a Monza spiegando che il procuratore Zuccaro, a cui poi è stato passato il fascicolo per competenza territoriale, ha
presentato una “contestuale richiesta di archiviazione”.

Come la volta scorsa. Vedremo se anche stavolta al tribunale dei ministri verranno casualmente estratti a sorte 3 magistrati di magistratura democratica.

“Ne approfitto per rispondere a qualche
ministro: per me i porti rimarranno
chiusi. I colleghi possono aprire altri
18 procedimenti, ma non cambio idea”.

Capito Di Maio?




Lascia un commento