Trump manda i clandestini da chi vota per i ‘porti aperti’

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Trump avrebbe minacciato di rilasciare i clandestini che entrano negli Usa ‘grazie’ ai ritardi nella costruzione del muro, nelle cosiddette ‘città santuario’, quelle metropoli governate dal PD locale che si sono dichiarate contro le espulsioni di clandestini e non collaborano nel rintraccio con il governo federale.

Insomma: un po’ come se mandassimo tutti i clandestini da Orlando e De Magistris. Dopo un paio di giorni, i cittadini li butterebbero in mare insieme ai loro clandestini. Perché una cosa è la teoria, altra è la pratica.




2 pensieri su “Trump manda i clandestini da chi vota per i ‘porti aperti’”

Lascia un commento