SeaEye, clandestini ONG andranno in 4 Paesi: nessuno in Italia

Condividi!

I 64 clandestini della Alan Kurdi, nave
della Ong tedesca Sea Eye, da 11 giorni
in acque internazionali senza un porto,
saranno ridistribuiti tra Germania,
Francia, Portogallo e Lussemburgo. Lo
annuncia il governo di Malta.

“Ottime notizie! Come promesso, nessun
immigrato a bordo della Alan Kurdi ar-
riverà in Italia”, commenta il ministro
dell’Interno Savini. La vicenda “raf-
forza la collaborazione tra Italia e
Malta contro i trafficanti di esseri
umani(…). Ribadiamo con forza che le
Ong non sono al di sopra della legge”.

E’, ovviamente, una bella notizia. Ma parziale. Fino a che ci saranno Paesi governati da utili idioti che accettano il carico che doveva essere portato in Tunisia:

Il traffico non si fermerà. A meno che non vengano tolte le bandiere a queste navi di trafficanti umanitari.

A proposito: perché l’Italia non l’ha ancora tolta a quella di Casarini?




Un pensiero su “SeaEye, clandestini ONG andranno in 4 Paesi: nessuno in Italia”

  1. Bene, hanno sistemato i 64 clandestini e quindi, appena sbarcati, la nave andrà a prelevarne altri e fra 15 giorni avremo di nuovo il problema. Per chiuderlo la Alan Kurdi deve essere affondata!

Lascia un commento