Casal Bruciato, mamma cacciata dalla Raggi in tenda: “Minacciano di togliermi la bimba” – VIDEO

Condividi!

“Ho lasciato la casa perché mi hanno detto che rischiavo una denuncia e di perdere mio figlio. Ora mi fermerò nella tenda in cortile fino a quando non mi daranno un’abitazione”. A parlare Noemi, la giovane mamma che stamattina ha occupato la casa assegnata a una famiglia di nomadi ma poi è stata allontanata.

“Ho saputo che era stata assegnata ai rom che, però, dopo la protesta erano andati via – ha detto la 20enne – così stamattina sono entrata. La porta era socchiusa. Non lavoro e vivo in una casa piccolissima con mia nonna. Anche io e il mio bambino abbiamo diritto a una casa dignitosa”

VERIFICA LA NOTIZIA
Sul caso della bimba sfrattata dalla Raggi:

Bimba italiana cacciata da casa popolare per darla ai Rom, rivolta – VIDEO

Ecco la coppia di ragazzi italiani con una bimba di 6 mesi, che la Raggi vuole cacciare dalla casa popolare per darla ad una famiglia di Rom, in interviste raccolte dal Primato Nazionale:

“Un rappresentante delle forze dell’ordine ci ha minacciati. Ci ha detto che se non avessimo sgomberato immediatamente casa, avrebbero tolto la bambina a Noemi“. E aggiunge: “Vorrei averlo qui davanti, adesso, Simone di Torre Maura. Per carità, a 15 anni ha avuto coraggio, ma sbaglia. Io sono Simone di Casal Bruciato, ho ventotto anni, e da qui non me ne vado per lasciare casa ad una famiglia di rom“.

Noemi: “Mi hanno spaventata, per questo sono uscita dalla casa. Ma ho intenzione di tornare dentro. Rimango qui ad oltranza fino a che non rientrerò. Tutti noi abbiamo dei diritti, abbiamo diritto ad una casa in cui far crescere i propri figli. C’è gente che vive dentro le macchine e questo non è giusto“.

Se sono abusivi, al massimo li si può sfrattare se c’è da dare casa ad una famiglia italiana. Non certo per darla ad un clan di zingari. Stiamo scherzando? Eppure è quello che sta accadendo a Roma in questi mesi. In nome della ‘legalità’: si fotta la legalità, se questa si basa su leggi fatte da mascalzoni. Ecco cosa accade, invece, dove governa la Lega:

Rivoluzione Lega: graduatorie case, quasi tutti italiani a Cascina

Significa che si può fare. Basta la volontà politica. Capito, Raggi?

Chi è questo schifoso traditore che ha minacciato una mamma italiana di togliergli la bambina se non avesse ceduto casa ai rom?

Sgomberano i Rom per metterli in case degli italiani, il piano M5s è una dichiarazione di guerra




Un pensiero su “Casal Bruciato, mamma cacciata dalla Raggi in tenda: “Minacciano di togliermi la bimba” – VIDEO”

Lascia un commento