1.400 bambine stuprate da immigrati: coperti in cambio di voti alla Sinistra

Condividi!

In un paese celebrato dai radical chic per il suo multiculturalismo, i ripetuti stupri di 1.400 bambine bianche tra il 1997 e il 2013, avvenuti nella città di Rotherham, da parte di pakistani con cittadinanza britannica, mostrano il grado di perversione cui arrivano le società muletietniche.

La perversione peggiore, in questi casi, è l’omertà della polizia e dei funzionari timorosi di essere accusati di ‘razzismo: è durata più di quindici anni. Durante i quali le denunce delle bambine sono state coperte, su pressione dei locali politici della sinistra. Perché i pakistani votavano in massa il Pd locale, non andavano turbati.

VERIFICA LA NOTIZIA

I predatori di Rotherham, come quelli delle città circostanti, Bradford, Sheffield, Rochdale o Derby, hanno una cosa in comune: sono tutti pakistani. Le vittime sono bambine e ragazzine bianche, più di un terzo delle quali erano note ai servizi sociali. Avevano 12, 13 o 14 anni.

Il peggio, se il peggio è possibile: per sedici anni, la polizia e i servizi sociali sapevano. E non fecero nulla. Lo rivela un rapporto pubblicato nell’agosto 2014 dall’autorità nazionale per gli affari sociali guidata da Alexis Jay. E Rotherham è la punta dell’iceberg, sono migliaia i casi identici in tutta l’Inghilterra.

Spostata come un pacco da una città all’altra, percossa, torturata, minacciata, violentata. Questo raccontano tutte le vittime.

Secondo il professor Jay, il numero dei casi accertati è sicuramente inferiore alla realtà. In un primo momento violentate da coloro che si spacciavano per loro fidanzati, sono state “passate” ad altri uomini, fratelli, cugini o amici.

“Se parli, violenterò tua madre prima di te”, promise Tariq ad Emma. In uno dei casi.

Centinaia. Migliaia di ragazze sono rimaste intrappolate in questo schema ricorrente che psichiatri e polizia chiamano “grooming”. Un processo in sei fasi creato da predatori sessuali su minori, in particolare via Internet.

Disprezzate da tutti, stupratori, polizia e servizi sociali, trattate come “spazzatura bianca”, ragazzine povere senza valore: “Accetti regali in cambio di servizi sessuali? Sei una prostituta”, disse l’assistente sociale a Lizzie, che a lei si era rivolta per aiuti.

Un’altra vittima è stata snobbata da un agente di polizia: “Non sei la prima a essere violentata da X. Né l’ultima”.

Il fratello minore di Arshid Hussain, uno degli stupratori, lo ha difeso in un’intervista con la BBC: “Mio fratello non è un mostro. Queste ragazze, vestite con minigonne, vanno nei nightclub (…) e la mattina dopo si svegliano urlando allo stupro”.

Un avvocato: “Sono uno specialista in abusi sessuali su minori. Come tale, lavoro con la polizia per vent’anni. Ci sono relazioni corrotte tra polizia e molestatori. Inoltre, il successo del Partito Laburista a Rotherham nelle elezioni dipende dal voto “pakistano”. Molti qui pensano che i criminali sono collegati ai politici locali”. Impunità in cambio di voti.

E questo è solo uno dei tanti casi. Pensateci, quando sentite politici, giornalisti e funzionari di sinistra difendere gli immigrati. Sminuirne i crimini.




2 pensieri su “1.400 bambine stuprate da immigrati: coperti in cambio di voti alla Sinistra”

Lascia un commento