Facebook mette al bando il ‘nazionalismo bianco’ dopo 1 strage, non l’islam dopo migliaia

Condividi!
VERIFICA LA NOTIZIA

Dopo la strage nelle moschee in Nuova Zelanda, il cui autore aveva postato su Twitter ed altri social media un manifesto suprematista, filmando live il massacro su Facebook, il social di Mark Zuckerberg ha deciso di mettere al bando tutti i contenuti che fanno riferimento al nazionalismo bianco e ai gruppi di suprematisti bianchi. Saranno cancellati da tutte le sue piattaforme, compresa Instagram. Lo riportano alcuni media americani.

Non si sa cosa venga inteso per ‘nazionalismo bianco’, probabilmente chiunque non voglia la società multiculturale propagandata dalla cabala globalista di cui fa parte il rosso.

La cosa è bizzarra: in nome dell’islam si uccidono migliaia di persone in centinaia e centinaia di attentati, ma l’islam non viene bandito da facebook, qualcuno ne fa uno in nome del ‘nazionalismo bianco’, e si bandisce il ‘nazionalismo bianco’.

Allora perché non il comunismo – e lo diciamo come paradosso -, visto che in suo nome sono stati uccisi milioni di individui. Perché non mettere al bando il Capitale?

E’ tempo di destrutturare il monopolio di questo bambolo. E’ un pericolo per la democrazia.




Lascia un commento