Africano: “Fatemi tornare a casa, in Italia non c’è futuro”, rimpatriato

Condividi!

Trentottenne cittadino tunisino Y.S. è stato sorpreso dal personale della Polizia Ferroviaria di Siena ad attraversare i binari della stazione. Informato sui pericoli di questo comportamento ha gridato ai poliziotti che della sua vita non gli importava ormai nulla, la sua permanenza in Italia era senza futuro e voleva ritornare in Tunisia. Ai poliziotti non è parso il vero: rimpatriato.

VERIFICA LA NOTIZIA

Arrivato verso la fine del 2013 a bordo di un barcone a Trapani, aveva dichiarato di essere cittadino siriano, senza documenti, per ottenere la
protezione sussidiaria. Non era più stato espulso.

Negli anni a seguire, aveva accettato alcuni lavori in nero, poi la mancanza di lavoro, e negli ultimi tempi aveva vissuto di espedienti dormendo all’ospedale e di
giorno vagando in città e alla Stazione dove poteva lavarsi nei bagni pubblici.

Nell’ Ufficio della Polizia Ferroviaria lo straniero ha compilato un modulo dove ha finalmente dichiarato di essere: Y. S., nato in Tunisia nel 1981.

Lo straniero, veniva accompagnato presso il Gabinetto Provinciale della Polizia Scientifica della
Questura di Siena dove sono stati effettuati tutti gli accertamenti sulla sua identità e all’Ufficio
Immigrazione della Questura di Siena dove sono state effettuate tutte le procedure per l’espulsione e
l’accompagnamento alla frontiera per il rientro nel paese di origine.

A seguito di ciò, dopo gli accertamenti sull’identità, il cittadino tunisino veniva denunciato alla competente A.G. in quanto gravato di divieto di ritorno a Siena emesso dal sig. Questore di Siena, nominato il difensore d’ufficio, veniva formalizzata la denuncia per la violazione della misura di prevenzione citata.Al termine delle procedure, il tunisino, ringraziava i poliziotti della Polfer e dell’ufficio Immigrazione, perché finalmente avrebbe potuto fare rientro nel suo paese di origine dove a suo dire, con l’aiuto di
parenti ed amici potrà avere un futuro migliore.

Che sei venuto a fare?

Nella foto in alto abbiamo volutamente utilizzato la foto di un identico caso:

Dopo 3 anni in hotel, profugo torna in Ghana: “Grazie dell’esperienza”




Lascia un commento