Cara Mineo: delirante sciopero contro chiusura

Condividi!

Roba da matti: “Il Cara di Mineo chiude, senza garanzie occupazionali per i lavoratori. Le imprese appaltatrici dei servizi preannunciano già l’avvio delle procedure di licenziamento collettivo, mentre esponenti della maggioranza nazionale di governo formulano ipotesi di riconversione del sito che fanno a pugni con la realtà”.

VERIFICA LA NOTIZIA

Questo il comunicato dei ‘lavoratori’ del Centro accoglienza richiedenti asilo più grande – e famigerato – d’Europa che, a conclusione di un’assemblea Uil-Uiltemp-Uiltucs, hanno proclamato per domani una giornata di sciopero.

Stai a vedere che dobbiamo traghettare clandestini per fare lavorare loro.

Nel corso della riunione, è stata denunciata “la falsa operazione di risparmio e ordine pubblico” che il Governo nazionale sta realizzando con l’azzeramento del Centro: “Saranno favorite solo decine, centinaia, di strutture private dalle dimensioni ridotte e a limitatissima capacità di integrazione con rischi evidenti per la sicurezza e la certezza di un aumento della spesa a carico della collettività”.

La pacchia è finita. Andate ad assistere gli anziani e i disabili invece che parassitare i contribuenti coccolando i giovani maschi africani.




Lascia un commento