Africano violenta ragazzina a Torino, trovata nuda e ferita

Condividi!
VERIFICA LA NOTIZIA

Ancora un immigrato che stupra una ragazzina. La brutale violenza sessuale la scorsa notte al Parco del Valentino, il polmone verde nel cuore di Torino.

Una ragazzina, appena maggiorenne, è stata violentata da un trentenne della Guinea, clandestino (sembra ex profugo con precedenti), che è stato arrestato dalla polizia.

La ragazza, secondo quanto ricostruito dalla polizia, era su una panchina del parco con il suo ragazzo, dopo aver trascorso la serata in una discoteca, quando è arrivato il migrante.

Ha minacciato il ragazzo con cui si era appartata, armato di un collo di bottiglia rotto. Poi lo ha allontanato con violenza. Infine, si è avventato sulla ragazza, abusando sessualmente di lei.

Sono queste le fasi, drammatiche, della violenza inflitta nella notte tra sabato e domenica a Torino da parte di un guineano ai danni di una neo maggiorenne. L’uomo, clandestino e noto alle forze dell’ordine, ha sorpreso la coppietta di fidanzatini su una panchina del parco del Valentino a Torino. I due erano poco distanti dalla discoteca Life. L’immigrato ha minacciato il ragazzo, costringendolo ad allontanarsi. Poi si è avventato sulla ragazza violentandola.

A chiamare la polizia, dopo la segnalazione dell’amico della vittima, è stato il personale addetto alla sicurezza della discoteca. Immediato l’intervento di una volante, in zona per monitorare l’area del Parco del Valentino. La ragazza, ferita, era senza scarpe e aveva il vestito strappato. E’ stata trasportata all’ospedale Sant’Anna in stato di choc.

L’africano è fuggito e ha cercato di nascondersi dietro ad alcuni cespugli, lungo gli argini del fiume Po, ma è stato arrestato dagli agenti.

L’accusa nei suoi confronti è di violenza sessuale.

Ecco un altro eroe dello ius soli.

Ps. Ragazzi, cerchiamo di darsi una svegliata: non si scappa davanti ad un cazzo di stupratore africano con la bottiglia rotta, lasciandole la propria ragazza.




Lascia un commento