Sindache di Bologna-Lampedusa vogliono più immigrati

Condividi!
VERIFICA LA NOTIZIA

Parte da Bologna, e non poteva essere altrimenti, vista la sindaca che si ritrova, la bizzarra iniziativa per invitare i sindaci italiani a costruire canali di immigrazione regolari e aderire al ‘Global Migration Compact’, patto voluto dall’Onu che l’Italia non ha firmato, per eliminare le frontiere.

Sarà il solito convegno dove si mangia, si beve e non si decide nulla, e lo hanno lanciato oggi il sindaco bolognese Virginio Merola e quello di Lampedusa e Linosa, Totò Martello.

Come si può commentare tale idiozia? Questi sindaci, invece di amministrare le proprie città, quello di Bologna andrebbe legato ad un palo immaginario per come ha ridotto la propria, immaginano bizzarre adesioni.

Lo ridiciamo: i trattati internazionali non competono ai sindaci, né aprire i porti, né le leggi sull’immigrazione. Fate il vostro lavoro, se lo sapete fare.

Ps. Visto che i sessi non esistono e il gender è fluido, noi usiamo a piacimento il femminile o il maschile. Se non siete d’accordo, siete transfobici.




Un pensiero su “Sindache di Bologna-Lampedusa vogliono più immigrati”

Lascia un commento