Perché dopo la violenza sessuale il senegalese era rimasto in Italia?

Condividi!

Perché abbiamo leggi idiote, buonisti in ogni ambito della vita pubblica e una Costituzione che garantisce più i delinquenti stranieri dei cittadini italiani (quelli veri)

VERIFICA LA NOTIZIA

Avevamo scritto della violenza sessuale del senegalese che secondo il PD ‘va compreso’.

Nel 2010 l’immigrato ha aggredito una 17enne sul bus. Ha tentato di stuprarla. Nonostante questo continuava a guidare il bus: con i bambini.

“Ti porto a casa io alla fine del giro”. Invece alla fine del giro si avventò sulla ragazzina palpeggiandole il seno e i glutei. Una violenza sessuale.

Arriva la denuncia. Il suo legale di allora tentò di minimizzare: “Meno di uno sfioramento”.

Eppure Sy con una denuncia del genere alle spalle era alla guida di un autobus con a bordo 51 ragazzini delle scuole medie.

E qalche tempo fa, oltretutto, era stato fermato mentre si trovava alla guida di un auto. Dopo l’alcoltest il risultato: positivo. Condanna penale e multa da 680 euro. E sospensione della patente per sei mesi.

Il che dimostra una cosa: prima di tentare stragi, gli immigrati commettono altri reati. Se li espellessimo al primo reato, eviteremmo stragi.

Sembra tanto semplice: sei ospite a casa mia e ti comporti male? Te ne vai.




Lascia un commento