Vescovi: “Per cattolico è immorale ​vedere in migranti il nemico”

Condividi!

La Cei, in crisi di astinenza per i porti chiusi, torna ad attaccare il governo sul tema dell’immigrazione.

VERIFICA LA NOTIZIA

“Negli ultimi tempi si è diffuso un clima di paura, a volte alimentato in modo irresponsabile, che ha contaminato lo spirito pubblico fino a far emergere rigurgiti xenofobi”.

Così ieri il presidente dei vescovi, Gualtiero Bassetti.

L’unico rigurgito è quello che viene a leggere certi personaggi dare lezioni di moralità: pedofili che nemmeno nei peggiori bordelli di Bangkok, mantenuti coi soldi dei pensionati al minimo, case lussuose. E fanno la morale: chi è senza peccato scagli la prima pietra, disse qualcuno che dovreste ricordare.

Bassetti usa parole durissime per parlare del tema migranti. E non manca di lanciare nuovamente una sorta di minaccia ai fedeli: “Per un cattolico è immorale vedere nel migrante un nemico da combattere o da odiare”.

E’ tipico di chi sta perdendo e sente di non contare più nulla, lanciare minacce: ormai la Chiesa è totalmente irrilevante sul piano dell’insegnamento morale ai fedeli. Che se ne sbattono delle idee sull’immigrazione e sull’etica dei vescovi.

Basti pensare che anche sulla Famiglia hanno organizzato un convegno mondiale senza di loro: scavalcati.

“Bisogna stare molto attenti nel promettere al popolo facili ricette – tuona – il rischio grosso è che queste ricette si traducano in soluzioni illusorie e quindi possano generare ancor più frustrazione e rabbia sociale”. Poi incalza: “Il popolo non si accarezza con gli slogan e le promesse mirabolanti ma lo si aiuta a crescere fornendo risposte concrete e parole di verità”.

In realtà, quello che li disturba, è che le ricetti funzionino. E loro non se lo aspettavano.

Israele respinge profughi con le armi, Vaticano anche – VIDEO




Lascia un commento