Pagavano 5mila euro per venire in Italia

Condividi!

Un’organizzazione autonoma e molto intraprendente, che si occupava di organizzare viaggi “sicuri” per immigrati clandestini provenienti dalla Turchia.

VERIFICA LA NOTIZIA

Al vertice dell’organizzazione è stato individuato un cittadino italiano di 45 anni, gestore del bar “Eternity” di Carpi, ma anche un 39enne turco cui spettava il compito di reclutare i clandestini da trasportare, dare direttive agli autisti e agli accompagnatori per i viaggi e la raccolta del denaro, fissare le tariffe per le persone trasportate, ordinare il recupero delle quote, munire i migranti di documenti falsificati.

Insieme a loro sono stati arrestati gli autisti e gli accompagnatori e le “staffette”, tutti di Carpi. Si tratta di altri tre cittadini italiani, un turco e un albanese. Nel corso della perquisizione di questa mattina sono stati sequestrati a carico di uno straniero coinvolto nel traffico anche mezzo chilogrammo di cocaina e un fucile a canne mozze detenuto illegalmente.

La maggior parte dei migranti trasportati veniva “agganciata” tramite contatti diretti con connazionali e raccolta prevalentemente intorno al valico greco di Kakavia, per poi essere spesso concentrata in abitazioni adattate a dormitori di fortuna nelle notti di vigilia dei viaggi nei pressi del porto turistico di Atene o di Igoumenitsa, a ridosso del confine albanese.

Da lì, i migranti raggiungevano l’Italia attraverso traghetti di linea o imbarcazioni private, o addirittura via terra, risalendo in auto la penisola balcanica. Il viaggio costava fra i 3.000 e i 5.000 euro, in base alle mete prefissate, che potevano essere i porti di Bari, Brindisi e Ancona, ma anche la stessa Emilia-Romagna o addirittura i paesi esteri. Sono stati infatti documentati viaggi fino in Austria, Germania, Slovenia o Francia.

In programma vi era anche il trasporto di circa trenta clandestini con un peschereccio ormeggiato a Trebisacce (CS), che è stato bloccato dall’Arma.

E’ chiaro che nessun povero ha 5mila euro da spendere per venire in Italia. Per loro è un investimento.




Lascia un commento