Domani arriva Xi, lo sterminatore di tibetani

Condividi!

La via della seta è lastricata di sangue umano.

Due ‘green zone’ e otto aree di massima sicurezza. E’ tutto pronto per la visita del presidente della Repubblica popolare cinese Xi Jinping a Roma, in programma da domani pomeriggio a sabato. Controlli e bonifiche scatteranno già da domani mattina. All’interno delle due ‘green zone’, una in centro storico e l’altra in zona Parioli dove alloggerà il presidente cinese, saranno vietate manifestazioni e ogni forma di contestazione. Previste chiusure di strade e varchi d’accesso controllati dalle forze dell’ordine. Le otto aree di massima sicurezza includeranno i palazzi istituzionali in cui si recherà Xi Jinping, l’aeroporto di Fiumicino e l’albergo in cui alloggerà. Prevista anche una vigilanza aerea con un elicottero che seguirà gli spostamenti dall’alto.

Che vergogna, proteggere lo sterminatore di tibetani.

Ps. In confronto a Xi, Brenton Tarrant è un dilettante. Lui ne ha uccisi 50 di maomettani, Xi ne ha messi decine di migliaia in lager e centri di rieducazione.

E quelli eliminati da Xi erano a casa propria.

Per carità, comprendiamo la realpolitik, basta che non ce lo menate poi con i ‘diritti umani’ e la bambine sceme con le treccine.




Lascia un commento