Folla islamica massacra cristiano accusato di blasfemia

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Un cristiano con disabilità mentale è stato picchiato da una folla musulmana in Pakistan la scorsa settimana, dopo che un vicino l’aveva accusato di blasfemia contro il profeta Maometto.

Hafiz Mudassir, un religioso musulmano, avrebbe fatto irruzione nella casa del 42enne Stephen Masih la mattina dell’11 marzo nel distretto di Sialkot, a nord di Lahore, accusando l’uomo mentalmente disabile di blasfemia.

Poi Mudassir è tornato alla testa di una folla di musulmani inferociti.

“Mudassir e Mohammad Rafiq, un altro vicino, li hanno incitati ad attaccare Stephen”, ha detto Masih. “Non solo lo hanno picchiato senza pietà, ma hanno anche attaccato altri membri della famiglia che hanno tentato di salvarlo”.

Qualcuno alla fine ha chiamato la polizia, che ha ‘salvato’ Stephen dalla folla islamica, ha aggiunto.

“La polizia ha portato via mio fratello, ed è stato dopo un po’ che abbiamo saputo che era stato accusato di blasfemia”, ha detto Masih.

Ora rischia la pena di morte.




Lascia un commento