Magistrato ammette: “Tutta l’Africa sa che in Italia conviene fingersi minori”

Condividi!

Riguardo questa notizia, con il tentativo di replicare con Salvini il caso Diciotti, perché avrebbe impedito l’immediato sbarco dei presunti minori:

Magistrati rossi contro Salvini per finti minori della Sea Watch – VIDEO

Anche la protagonista della vicenda intervistata nel video, il Procuratore della Repubblica dei Minori di Catania Caterina Ajello, ammette che non è possibile sapere se i 15 presunti minori della Sea Watch 3 lo fossero davvero.

VERIFICA LA NOTIZIA

Se prima erano tutti nati lo stesso giorno, ora le date sono cambiate: “7 novembre 2002, 1 novembre 2001, 1 gennaio 2002, 5 novembre 2001, 27 dicembre 2002…non sono nati tutti lo stesso giorno”. Su uno dei minori è stato predisposto un accertamento perché in base all’aspetto fisico è insorto il dubbio che fosse maggiorenne ma “gli accertamenti non possiamo farli su tutti” commenta Ajello, “perché quanto verrebbe costare allo Stato?”

Insomma, non solo non sapevamo allora quanti anni avevano, non lo sappiamo nemmeno oggi: forse non lo sapremo mai. Ma secondo gli anti-Salvini, li avrebbe dovuti fare scendere sulla fiducia.

Bizzarra la spiegazione del procuratore: “A volte i migranti ci mettono un po’ di tempo per ricordare, altre volte ci sono problemi di lingua, altre volte ancora ci sono soggetti che sicuramente ne approfittano. Non è un mistero che i maggiorenni a volte cerchino di spacciarsi per minorenni per ottenere l’asilo, oramai penso che tutta l’Africa sia informata sulle garanzie previste dall’ordinamento legislativo dell’Italia e quindi arrivano qui già pronti e istruiti a dovere. Detto questo anche la Questura può sbagliare, siamo in una situazione di approssimazione, ma di giusta garanzia”.

No, siamo in una farsa. E tutto, come abbiamo già scritto, per colpa della famigerata Legge Zampa.

Nei confronti dei Minori Stranieri Non Accompagnati, la legge votata dal PD nel 2015, oltre a garantire il permesso di soggiorno e all’affidamento di un tutore, per i minori soli impone il divieto di respingimento e di espulsione. Anche se stuprano. Anche se commettono reati. In pratica, devono essere accolti senza se e senza ma.

Il motivo di questo grande amore del PD per i presunti profughi minori? Lo Stato rimborsa alle Coop il doppio di un profugo adulto.

Non è tempo di abrogare questo schifo di legge, Salvini?




Lascia un commento