Ladro muore durante inseguimento, guardia giurata arrestata

Condividi!

Uno dei due indagati per quanto riguarda il decesso del marocchino, morto ad Aprilia nella notte tra il 28 e 29 luglio, è stato arrestato in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare.

La guardia giurata – con l’aiuto di due residenti della zona – si era lanciato all’inseguimento del ladro nordafricano.

Il marocchino era stato notato all’interno dell’auto sotto l’abitazione dei due indagati. Stando alle versione degli avvocati, e li aveva quasi investiti nella fuga.

La cosiddetta vittima, Zaitouni Hady, viaggiava assieme a un’altra persona su un’auto che successivamente è finita fuori strada.

La guardia giurata apriliana, che inizialmente si era allontanata e si è presentata presso la caserma dei carabinieri il giorno dopo, avrebbe ammesso che, temendo di restare vittima di furti, insieme ad altri residenti nel condominio la sera cercavano da qualche tempo di stare allerta e che, notata la Mègane su cui poi i carabinieri hanno trovato attrezzi da scasso, si erano messi all’inseguimento, restando in contatto con i carabinieri, per prendere il numero di targa dell’auto.

VERIFICA LA NOTIZIA

La Procura aveva da subito indagato autista e guardia giurata per omicidio preterintenzionale, colpevoli di aver inseguito il ladro facendolo schiantare con l’auto. ieri sera i carabinieri hanno notificato un’ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari nei confronti del vigilante.

Roba da matti.




Lascia un commento