Salario minimo: 40% italiani prende meno di 10 euro lordi all’ora

Condividi!

Il 22% dei lavoratori dipendenti delle aziende private (sono esclusi gli operai agricoli e i domestici) ha una retribuzione oraria inferiore a 9 euro lordi, ovvero sotto la soglia individuata da uno dei disegni di legge sul salario minimo in discussione al Senato. Lo rivela l’Inps, sottolineando inoltre che il 9% dei lavoratori è al di sotto degli 8 euro orari lordi, mentre il 40% prende meno di 10 euro lordi l’ora. I dati sono contenuti in una memoria depositata in Commissione Lavoro al Senato.

Fissando la soglia del salario minimo a 9 euro lordi l’ora ci sarebbero 2,9 milioni di lavoratori che avrebbero un incremento medio annuo di retribuzione di 1.073 euro. La stima è dell’Istat: sarebbe coinvolto il 21% dei lavoratori dipendenti con un aumento stimato del monte salari complessivo – l’aggravio cioè del costo del lavoro per le imprese – di 3,2 miliardi di euro.

Secondo l'Istat, se passasse la legge sul salario minimo dei 5 stelle ogni lavoratore guadagnerebbe 1.073 euro in più…

Posted by La Verità on Thursday, March 14, 2019

Ma soprattutto non potrebbero più arruolare ‘negri’ nelle campagne. Perché se dovessero pagarli il giusto, allora assumerebbero gli italiani.

Che non è che non vogliono fare certi lavori, non vogliono farli per paghe da fame. Mica possiamo vivere in baraccopoli o centri di accoglienza noi.

Ed è proprio la concorrenza verso il basso degli immigrati che causa questo crollo dei salati: è l’esercito di riserva di marxiana memoria. Che oggi la sinistra ha dimenticato.




Lascia un commento