Ragazzini aggrediti da spacciatore, bottigliate in testa

Condividi!

Tre ragazzini perugini sono stati presi di mira da un clandestino, un marocchino di 30 anni, intenzionato a rapinarli. Per prendersi uno zainetto, con dentro un portafoglio e un cellulare di ultima generazione, l’immigrato non ha esitato a dare una bottigliata sul petto ad uno dei tre ragazzi che terrorizzati non hanno reagito.

VERIFICA LA NOTIZIA

“Non seguitemi se no vi ammazzo”: così se ne è andato senza difficoltà in direzione Campo di Marte con tanto di malloppo. Troppi italiani sono stati allevati come animali domestici.

Comunque, in poco più di 24 ore, i poliziotti sono risaliti al cittadino marocchino. Ora è arrestato per il reato di rapina aggravata. Si stanno studiando le carte per una sua immediata espulsione per pericolosità sociale.

Sempre che qualche magistrato rosso non si metta di traverso.




Un pensiero su “Ragazzini aggrediti da spacciatore, bottigliate in testa”

Lascia un commento